Centro on line
Storia e Cultura dell'Industria

il Nord Ovest dal 1850

Università e ricerca

Marzo 2008
MANIFESTAZIONI

Torino 2008 capitale mondiale del design

Torino 2008 capitale mondiale del design Il 30 settembre 2005 l'Icsid (International Council of Societes of Industrial Design) ha conferito a Torino la nomina a prima Capitale mondiale del design per il 2008. Un titolo che riconosce la forte tradizione industriale piemontese e torinese e la sua eccellenza nel campo del design, e allo stesso tempo lo sforzo progettuale che, puntando su innovazione e creatività, ha rinnovato l'immagine di Torino da cittą industriale a città europea.

Il fitto programma di eventi organizzati in città riflette questo doppio sguardo al passato - esempio e riferimento - e al presente: mostre (Olivetti, Trilogia dell'automobile-Dream, Collezione storica del design italiano), dibattiti e lezioni dedicati al grande pubblico, cerimonie (per la prima volta il Compasso d'oro, il riconoscimento che premia un oggetto di design italiano, verrà consegnato a Torino).

Il filo conduttore dei diversi eventi è la flexibility, cioè la capacità dei sistemi urbani contemporanei di reagire ai cambiamenti continui e repentini portati dalla mescolanza di culture, tradizioni, bisogni diversi.

Il design vuole quindi mostrarsi come una disciplina che grazie alla sua cultura del progetto e dell'innovazione può avvicinarsi ad ambiti diversi, dalla produzione industriale ai servizi alla comunicazione, accompagnando uno sviluppo economico, sociale e culturale delle comunità più equilibrato e sostenibile.

Questo si riflette in modo particolare nel progetto Torino Geodesign: necessità e desideri espressi da gruppi di persone eterogenei (abitanti di un quartiere, studenti, comunità etniche) vengono tradotti - grazie alla collaborazione con aziende locali e con artisti, designer, grafici - in oggetti di design, utensili, servizi. Per esempio un gruppo di ex operai collabora per creare un sistema di informazione e segnalazione degli edifici industriali dell'area Spina 3.

Molte aspettative e grandi attese. Prima fra tutte, che l'anno di TWCD si caratterizzi non solo come un grande evento ma lasci delle tracce permanenti, delle idee in grado di rivitalizzare i concetti di design e progetto.