Centro on line
Storia e Cultura dell'Industria

il Nord Ovest dal 1850

Fonti e documenti / Biblioteca

Esplora per autori

Risultati della ricerca

lettera selezionata: B
B

Berta Giuseppe



Pagina: 1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
Nord. Dal triangolo industriale alla megalopoli padana (1950-2000)
di Giuseppe Berta
Data: 2008
Tipologia: monografia
documento copertina
documento copertina
Milano , Mondadori
Lingua: Italiano
II Nord Italia, e in particolare quell'area di Nord Ovest polarizzata attorno alle tre città maggiori (Milano, Torino, Genova) è stato, ed è, il motore industriale del Paese. Ma il Nord è anche quel territorio su cui si sviluppano linee di tendenza, comportamenti, culture e valori che, col tempo, entrano nel costume italiano. Ciò è vero sia per il periodo successivo alla seconda guerra mondiale, quando il Nord diviene l'epicentro del "miracolo economico", sia nelle fasi successive, quando si rivela straordinariamente reattivo alle trasformazioni che interessano l'Occidente sviluppato. Il libro si propone di ripercorrere oltre mezzo secolo dì storia italiana, raccontando l'avventura di un mutamento ininterrotto e insistendo sul ruolo determinante e cruciale che il Nord ebbe, e continua ad avere, per la società italiana.
Temi di cultura industriale: Storia
Torino industria. Persone, lavoro, imprese
a cura di Giuseppe Berta
Data: 2008
Tipologia: monografia
documento copertina
documento copertina
Città di Torino. Archivio Storico
Lingua: Italiano
Questo volume riccamente illustrato si propone di chiarire l’importanza che l’industria ha avuto nel determinare il profondissimo cambiamento che Torino ha subito fra Otto e Novecento, quando proprio il successo del progetto risorgimentale, quì concepito e governato, sembrava condannarla a un ruolo marginale. I diversi saggi, attraverso specifici approfondimenti dedicati al mondo del lavoro, alla business community e alla demografia e un inedito racconto per immagini, vogliono inoltre tentare di correggere un altro errore di prospettiva: Torino è certamente stata, almeno per tutta una parte del secolo scorso, una one-company town. Ma lo è stata con un’originalità che ha consentito di reagire positivamente alla crisi di quel modello. Risulta, infatti, incontestabile la ricchezza, la varietà e la creatività delle forze economiche che lungo un secolo e mezzo hanno creato un paradigma di città industriale del tutto originale e capace di superare con slancio le crisi del Novecento.
Temi di cultura industriale: Storia - Piemonte
Libro bianco per il Nord Ovest. Dall'economia della manifattura all'economia della conoscenza
di Consiglio italiano per le Scienze Sociali , a cura di Giuseppe Berta , Angelo Pichierri
Data: 2007
Tipologia: monografia
documento copertina
documento copertina
Venezia , Marsilio
Lingua: Italiano
Il libro analizza gli aspetti economici dell’evoluzione del Nord Ovest, i cui effetti sono evidenti nella crisi della grande impresa fordista, nel processo di deindustrializzazione che cambia il paesaggio urbano dei vertici del «triangolo industriale», nella new economy che supporta la terziarizzazione dell’economia. Il nuovo modello che si sta affermando vede forti sinergie tra il rinnovato sistema manifatturiero - che si riduce dal punto di vista quantitativo e si basa sulla leadership delle medie imprese - e un terziario avanzato che favorisce nuove forme di utilizzo del fattore lavoro. Manifattura e servizi completamente differenti dal passato e legati entrambi a produzioni di maggior contenuto innovativo.
Temi di cultura industriale: Storia - I distretti regionali
La Fiat dopo la Fiat: storia di una crisi, 2000-2005
di Giuseppe Berta
Data: 2006
Tipologia: monografia
Milano , Mondadori
Lingua: Italiano
Berta propone per la prima volta una ricostruzione completa delle origini, della dinamica e delle conseguenze della crisi Fiat, individuandone la causa principale non in errori di strategia o in politiche aziendali carenti, ma nella precarietà delle procedure di governo interno, che non distinguono a sufficienza i compiti e le prerogative della proprietà rispetto a quelli del management. Il nucleo del problema sta nell'irrisolto modello di governance dell'impresa, nell'incertezza del rapporto tra proprietà e gestione. Nel medesimo tempo, Berta pone in relazione il destino della Fiat con il delicato momento di passaggio che ha vissuto l'intero sistema industriale, dal mondo sindacale alla Confindustria, sullo sfondo della trasformazione che rimodella il paesaggio territoriale e sociale di importanti aree del Nord, come quella di Torino. In questo senso, la crisi Fiat è stata identificata con il declino stesso del sistema produttivo italiano. Infine, l'analisi sistemica è accompagnata dalla capacità di ritrarre profili inediti dei protagonisti (Gianni e Umberto Agnelli, Montezemolo, Fresco, Cantarella, Marchionne), che sollecitano a reinterpretare il ruolo della principale famiglia del capitalismo italiano e del suo management. La conclusione dell'autore apre alla possibilità che, qualora la Fiat fosse stata in grado di riconvertirsi in direzione di una maggiore produzione di servizi, la crisi avrebbe rappresentato l'occasione per un fondamentale rinnovamento del sistema, in cui la principale azienda avrebbe ridisegnato il proprio ruolo, più limitato ma vitale, quello dell' "industria dopo la manifattura".
Temi di cultura industriale: Storia , Protagonisti - Imprenditori e proprietari , Protagonisti - Dirigenti
Settori industriali e imprese: Automobili e veicoli - Fiat Auto
Recensito in: "Bibliografiat. Saggi, studi, ricerche sulla Fiat (1997-2008)" a cura di Stefano Musso e Marco Bresciani, Archivio e Centro Storico Fiat e Storiaindustria.it
L'Italia delle fabbriche
di Giuseppe Berta
Data: 2006
Tipologia: monografia
documento copertina
documento copertina
Bologna , Il Mulino
Lingua: Italiano
Il libro è una sorta di mappa delle esperienze e delle culture che, nell'arco del XX secolo, hanno disegnato i contorni di una società industriale italiana e hanno diretto il suo sviluppo. Si delinea così una storia dell'industrialismo, ossia della spinta a fare dell'industria la chiave di volta dello sviluppo e a mobilitare e incanalare nella sua direzione tutte le risorse e le energie disponibili, restituendo oltre al benessere economico un tono più progredito nella vita civile. L'industria era concepita come un organismo in grado di organizzare allo stesso tempo le forze della produzione e quelle del mutamento sociale. Al contempo, l'industrialismo doveva fare i conti con i suoi critici. Il libro si articola in tre parti. Nella prima mette a fuoco gli archetipi dell'industrialismo, una lunga fase di incubazione che si intreccia con le ipotesi di un'espansione della produzione di fabbrica fondata sulla creazione di una base sociale atta a sostenerla. E' il periodo che abbraccia la prima metà del XX secolo e che si conclude con l'affermazione del fordismo. La seconda parte, la più estesa, si sofferma sulla breve stagione matura dell'industrialismo tra il 1950 e il 1970, quando parve che i soggetti sorti dal processo di crescita economica fossero definiti e governassero la società nel suo complesso. Infine, si configurano gli scenari di declino dell'industrialismo, si intensificano le spinte centrifughe e le trasformazioni che incrinano la centralità della produzione industriale in Occidente.
Temi di cultura industriale: Storia , Sindacati
Settori industriali e imprese: Automobili e veicoli - Fiat Auto , Scrittura e calcolo - Olivetti
Recensito in: "Bibliografiat. Saggi, studi, ricerche sulla Fiat (1997-2008)" a cura di Stefano Musso e Marco Bresciani, Archivio e Centro Storico Fiat e Storiaindustria.it
Il sistema mondiale dell'auto e la sua nuova configurazione
di Giuseppe Berta , Luciano Ciravegna
Data: 2005
Tipologia: estratto
Fa parte di:
Scenari per il sistema locale. Valutazioni sul Piano strategico di Torino e sulle prospettive di sviluppo nell’area metropolitana
Torino , Associazione Torino Internazionale , p. 81-107
Lingua: Italiano
Attraverso una serie di interviste e di fonti quantitative, il saggio si propone di contestualizzare il discorso sulla crisi della Fiat all'interno di una più ampia analisi delle trasformazioni globali del settore della produzione automobilistica, quale indice delle trasformazioni del sistema economico mondiale in generale e dell'Occidente in particolare. Gli autori prendono le mosse da una discussione intorno alla cosiddetta Triade (America, Europa, Giappone) considerata come l'asse strutturale dell'attuale produzione automobilistica, che è l'esito di processi di più lungo periodo. La tesi fondamentale richiama l'attenzione sull'importanza dell'evoluzione della domanda e della produzione nei paesi emergenti, ponendo l'accento sulla svolta che ha segnato il sistema industriale in Occidente e di cui la crisi della Fiat è parte.
Temi di cultura industriale: Prodotti - Automobili e veicoli
Settori industriali e imprese: Automobili e veicoli - Fiat Auto
Recensito in: "Bibliografiat. Saggi, studi, ricerche sulla Fiat (1997-2008)" a cura di Stefano Musso e Marco Bresciani, Archivio e Centro Storico Fiat e Storiaindustria.it
L'imprenditore. Un enigma tra economia e storia
di Giuseppe Berta
Data: 2004
Tipologia: monografia
documento copertina
documento copertina
Venezia , Marsilio
Lingua: Italiano
Il saggio di Giuseppe Berta ripercorre due secoli di storia della cultura economica, soffermandosi sui tentativi fondamentali di analizzare i caratteri e i compiti dell'imprenditorialità. Cantillon e Say, l'economia politica classica inglese e Marshall, Schumpeter e Sombart, costituiscono le tappe di un ragionamento che cerca di travalicare i confini delle discipline, secondo lo stile di una lettura che tende ad accomunare economia, storia, sociologia. Lungo questo percorso si affaccia anche la figura di colui che è una sorta di alter ego dell'imprenditore, il manager. Il libro di Berta vuol essere, così, una rassegna delle teorie dell'imprenditorialità e del management, esaminate entro l'involucro del quadro storico e culturale del loro tempo.
Temi di cultura industriale: Protagonisti - Imprenditori e proprietari
La Fiat dopo il piano Morchio
di Giuseppe Berta
Data: 2003
Tipologia: articolo
Fa parte di:
"Annali di storia dell'impresa"
di Associazione di Studi e Storia dell'impresa
Venezia , Marsilio , 14/2003 , p. 455-468
Lingua: Italiano
Il saggio introduce all'analisi del "Piano Morchio", presentato dall'amministratore delegato della Fiat Giuseppe Morchio il 26 giugno 2003, come il punto di svolta della crisi Fiat sotto la presidenza di Umberto Agnelli. Vengono ripercorse le difficoltà nella stabilizzazione dei vertici Fiat nella crisi, con le scelte pressoché obbligate che - di fronte alle difficoltà della casa torinese - hanno dovuto compiere i tre attori principali: la famiglia Agnelli, le banche creditrici, la General Motors.
Temi di cultura industriale: Protagonisti - Dirigenti
Settori industriali e imprese: Automobili e veicoli - Fiat Auto
Recensito in: "Bibliografiat. Saggi, studi, ricerche sulla Fiat (1997-2008)" a cura di Stefano Musso e Marco Bresciani, Archivio e Centro Storico Fiat e Storiaindustria.it
Torino: una company town? Alcune considerazioni
di Giuseppe Berta
Data: 2002
Tipologia: articolo
Fa parte di:
"Annali di storia dell'impresa"
di Associazione di Studi e Storia dell'impresa
13/2002 , p. 9-22
Lingua: Italiano
Temi di cultura industriale: Storia - Piemonte
Grande impresa e sviluppo italiano. Studi per i cento anni della Fiat
a cura di Cesare Annibaldi , Giuseppe Berta
Data: 1999
Tipologia: monografia
documento copertina
documento copertina
Comprende: 5 documenti
Bologna , Il Mulino
Lingua: Italiano
I due volumi dell'opera, realizzata in occasione dei cento anni dalla fondazione della Fiat, raccolgono una serie di studi che, secondo prospettive e approcci diversi, illustrano la storia della maggiore impresa italiana. La tesi di fondo, che attraversa i diversi saggi, consiste nel riconoscimento dell'importante ruolo che la Fiat ha ricoperto all'interno della vita economica e sociale italiana, valorizzandone l'influenza in termini di creazione e trasmissione di conoscenza tecnologica, di capacità organizzativa e gestionale, di potenziale innovativo e di generazione di capitale umano di qualità, nonché di formazione di identità e di coesione a livello sociale. In questo senso i saggi qui raccolti non sono stati concepiti come parti di una storia coerente e unitaria della Fiat, ma si propongono di offrire una serie di "aperture tematiche, di approfondimenti e di indicazioni per ricerche ulteriori" attraverso l'analisi di questioni e vicende legate sia alla storia aziendale interna sia al rapporto dell'azienda con il contesto economico e industriale e con la società italiana.
Temi di cultura industriale: Storia - Piemonte
Settori industriali e imprese: Automobili e veicoli - Fiat Auto
Recensito in: "Bibliografiat. Saggi, studi, ricerche sulla Fiat (1997-2008)" a cura di Stefano Musso e Marco Bresciani, Archivio e Centro Storico Fiat e Storiaindustria.it
Pagina: 1 | 2 | 3 | 4 | Successiva