Centro on line
Storia e Cultura dell'Industria

il Nord Ovest dal 1850

Fonti e documenti / Biblioteca

Esplora per autori

Risultati della ricerca

lettera selezionata: S
S

Serafino Adriano



Mirafiori
di Adriano Serafino
Data: 10/1987
Tipologia: articolo
Fa parte di:
"Azimut"
1987, n. 32
Lingua: Italiano
Giuseppe Berta ripercorre la storia e le rappresentazioni dello stabilimento Fiat di Mirafiori (dall'inaugurazione di Mussolini al periodo del miracolo economico, dall'autunno caldo alla stagione del terrorismo) che, non senza produrre "stereotipi", hanno di volta in volta definito la fabbrica della "guerra fredda", del "miracolo economico", degli "immigrati", del "conflitto permanente", dell'"eversione". Dalla sua edificazione nel 1939, Mirafiori Ŕ la pi¨ grande fabbrica italiana, che ha scandito i ritmi e segnato il clima sociale dello sviluppo industriale italiano. E' la "fabbrica-laboratorio" dell'industrialismo italiano. Pochi luoghi sono pi¨ rappresentativi della moderna identitÓ nazionale di quanto sia Mirafiori, che ha costituito il motore dell'industrializzazione del paese ed Ŕ diventato il luogo materiale e simbolico delle lotte del movimento operaio italiano. Costituisce per definizione il modello di fabbrica fordista e di produzione taylorista, che, attraverso il filtro tanto dell'ideologia della "centralitÓ operaia" quanto della cultura critica verso la moderna civiltÓ industriale, ha alimentato speranze e provocato delusioni, suscitato fascinazione e pregiudizi.
Settori industriali e imprese: Automobili e veicoli - Fiat Auto
Recensito in: "Bibliografiat. Saggi, studi, ricerche sulla Fiat (1899-1996)" a cura di Maria Rosaria Moccia, 'Quaderni' dell'Archivio Storico Fiat
Contrattare alla Fiat
di Adriano Serafino
Data: 06/1987 - 07/1987
Tipologia: articolo
Fa parte di:
"Azimut"
1987, n. 28-29
Lingua: Italiano
Temi di cultura industriale: Sindacati - Piemonte
Settori industriali e imprese: Automobili e veicoli - Fiat Auto
Recensito in: "Bibliografiat. Saggi, studi, ricerche sulla Fiat (1899-1996)" a cura di Maria Rosaria Moccia, 'Quaderni' dell'Archivio Storico Fiat